Posted on Leave a comment

Geologia della pomice indonesiana

La pomice o la pomice è un tipo di roccia di colore chiaro, contiene schiuma composta da bolle con pareti di vetro e viene solitamente indicata come vetro vulcanico ai silicati.

Queste rocce sono formate da magma acido per azione di eruzioni vulcaniche che emettono materiale nell’aria; quindi subiscono un trasporto orizzontale e si accumulano come roccia piroclastica.

La pomice ha elevate proprietà versicolari, contiene un gran numero di cellule (struttura cellulare) dovute all’espansione della schiuma di gas naturale in essa contenuta, e si trova generalmente come materiale sciolto o frammenti nelle brecce vulcaniche. Mentre i minerali contenuti nella pomice sono feldspato, quarzo, ossidiana, cristobalite e tridimite.

La pomice si verifica quando il magma acido sale in superficie ed entra improvvisamente in contatto con l’aria esterna. La schiuma di vetro naturale con/gas in essa contenuto ha la possibilità di fuoriuscire e il magma si congela improvvisamente, la pomice generalmente esiste come frammenti che vengono espulsi durante le eruzioni vulcaniche di dimensioni variabili dalla ghiaia ai massi.

La pomice si presenta comunemente come fusione o ruscellamento, materiale sciolto o frammenti nelle brecce vulcaniche.

La pomice può essere prodotta anche riscaldando l’ossidiana, in modo che il gas fuoriesca. Riscaldamento eseguito sull’ossidiana di Krakatoa, la temperatura richiesta per convertire l’ossidiana in pomice era in media di 880°C. Il peso specifico dell’ossidiana che originariamente era 2,36 è sceso a 0,416 dopo il trattamento, quindi galleggia nell’acqua. Questa pietra pomice ha proprietà idrauliche.

La pomice è una tessitura vescicolare dal bianco al grigio, dal giallastro al rosso, con dimensione dell’orifizio, che varia in relazione tra loro o meno a una struttura bruciata con orifizi orientati.

A volte il foro è riempito con zeolite/calcite. Questa pietra è resistente alla rugiada gelata (gelo), non così igroscopica (succhia acqua). Ha basse proprietà di trasferimento di calore. Resistenza alla pressione tra 30 – 20 kg/cm2. La composizione principale dei minerali di silicato amorfo.

In base al modo di formazione (deposizione), alla distribuzione della granulometria (frammento) e al materiale di origine, i depositi di pomice sono classificati come segue:

Sottozona
Subacqueo

Nuovo ardore; cioè depositi formati dal deflusso orizzontale di gas nella lava, risultante in una miscela di frammenti di varie dimensioni in forma matriciale.
Risultato del rideposito (redeposit)

Dalla metamorfosi, solo le aree relativamente vulcaniche avranno depositi di pomice economici. L’età geologica di questi depositi è compresa tra il Terziario e il presente. I vulcani attivi durante questa era geologica includevano la frangia dell’Oceano Pacifico e il percorso che portava dal Mar Mediterraneo all’Himalaya e poi all’India orientale.

Rocce simili ad altre pomici sono pomicite e cenere vulcanica. La pomicite ha la stessa composizione chimica, origine di formazione e struttura del vetro della pomice. La differenza è solo nella dimensione delle particelle, che è inferiore a 16 pollici di diametro. La pomice si trova relativamente vicino al suo luogo di origine, mentre la pomicite è stata trasportata dal vento per una distanza considerevole e si è depositata sotto forma di accumulo di ceneri fini o come sedimento di tufo.

La cenere vulcanica ha frammenti vescicolari da rossastri a neri, che sono stati depositati durante l’eruzione della roccia basaltica da eruzioni vulcaniche. La maggior parte dei depositi di cenere si trovano come frammenti di lettiera conica che vanno da 1 pollice a diversi pollici di diametro.

Potenziale della pomice indonesiana

In Indonesia la presenza di pomice è sempre associata a una serie di vulcani dal Quaternario al Terziario. La sua distribuzione copre le aree di Serang e Sukabumi (West Java), l’isola di Lombok (NTB) e l’isola di Ternate (Maluku).

Il potenziale per i depositi di pomice che hanno un significato economico e riserve molto grandi sono sull’isola di Lombok, West Nusa Tenggara, isola di Ternate, Molucche. L’ammontare delle riserve misurate nell’area è stimato a più di 10 milioni di tonnellate. Nella zona di Lombok lo sfruttamento della pomice è stato effettuato da cinque anni, mentre a Ternate lo sfruttamento è stato effettuato solo nel 1991.

Leave a Reply

Your email address will not be published.